Struttura sito Web: come curarla per migliorare la SEO

Sapevi che la struttura del tuo portale web è fondamentale per la SEO?

Come ho spiegato altre volte, per SEO (Search Engine Optimization), si intendono tutte le attività atte a migliorare la visibilità dei siti web sui motori di ricerca, con lo scopo di migliorare il posizionamento, nelle pagine di risposta, di questi ultimi.

Oltre ad avere un’ottima cura nella creazione e stesura, dei contenuti, bisogna prestare altri piccoli accorgimenti per far si che il sito web sia perfettamente indicizzato dal lato della SEO.

Tra le attività volte all’indicizzazione possiamo trovare:

– ottimizzazione delle immagini;
– ottimizzazione dei link;
– contenuti ben curati;
– struttura.

Alla base di tutto, inutile ricordarlo, deve esserci un hosting performante che sia in grado di garantire sicurezza e affidabilità della piattaforma. Senza di esso, tutto il lavoro che andrete a fare per ottimizzare la SEO, risulterà totalmente inutile.

Una volta acquistato un servizio hosting affidabile, volendo potresti anche valutare una soluzione cloud, bisogna occuparsi della struttura del sito web.

Per raggiungere i vertici della SERP, quindi avere maggiore indicizzazione dovuta all’aumento del traffico web verso il tuo portale, dovrai creare una struttura impeccabile per il tuo sito. Migliore sarà la struttura, maggiori saranno le possibilità di comparire tra le prime pagine dei motori di ricerca.

Perché la struttura è importante

Se il buon gusto per colori, caratteri, immagini e video è soggettivo, la struttura, invece, è fondamentale per una corretta usabilità web. Un utente, quando naviga in rete, può trovare più o meno attraente il tuo portale ma quello che sicuramente vorrà categoricamente trovare è semplicità nell’utilizzo del sito.

Più utenti troveranno piacevole la navigazione sul tuo portale, maggiore sarà il traffico web perché, anziché scappare dal sito, vi continueranno a navigare tra tutte le sezioni e pagine da te proposte. Ecco perché una buona struttura può aiutarti con la SEO.

Se il tuo sito è ben strutturato, anche la sitelink ne trarrà vantaggio.

ESEMPIO DI SITELINK

 

La sitelink è linfa vitale per la SEO, perché quando un utente troverà l’indirizzo della vostra piattaforma sui motori di ricerca, darà all’utente quante più informazioni possibili andando così a migliorare la reputazione online del tuo marchio e aumentando ulteriormente la SERP (Search Engine Results Page).

Non esiste un metodo per ottenerli, è Google stesso che decide a chi darli in base alla corretta struttura del proprio portale web.

I motori di ricerca, in particolare Google, scansionano sistematicamente i portali in rete per capire quali contenuti proporre agli utenti a seguito delle loro ricerche. Migliore sarà la tua sitemap e minori saranno le fatiche che avranno i bot per accedere e controllare i tuoi contenuti; in cambio avrai maggiori possibilità che i motori di ricerca prediligano il tuo sito rispetto ad altri meno curati.

Quindi, per farla breve, più la struttura è ben costruita e maggiori saranno i vantaggi che il tuo portale ne beneficerà in termini di SEO.

Come creare una struttura a prova di SEO

Inizia a farti uno schema mentale di come deve essere il tuo portale e cerca di schematizzarlo su carta per avere un’idea chiara e tangibile di come sarà il tuo progetto.

Nell’header dovrà essere presente un menù che riporti le voci principali del sito, senza aggiungere elementi non fondamentali; questo per evitare che l’utente venga distratto da cose per lui inutili o superflue. Dovrai inserire solo quanto realmente necessario per una buona navigazione.

Fai in modo che le pagine principali non vengano nascoste da altre meno rilevanti e che siano uniche e ben distinte, cercando di non inserire più di 6 o 7 categorie diverse; qualora tu ne avessi di più, prova a pensare a come ridistribuirle per cercare di ottimizzarle al meglio.

Stesso ragionamento dovrai farlo per le sottocategorie che dovrai cercare di bilanciarle tra le varie categorie principali.

Ti faccio un esempio: Se hai una categoria genitore con 10 sottocategorie, e un’altra con 2 sottocategorie, avrai un rapporto sbilanciato. Se ti trovi in una casistica simile, dovrai cercare di riequilibrarle per non appesantire troppo la struttura del portale web.

Sviluppa una buona rete di link interni al tuo sito. Se hai una sezione blog ti risulterà molto più facile, in quanto ogni volta che andrai a condividere nuovi articoli, puoi rimandare ad approfondimenti verso altri testi che hai scritto in precedenza o verso prodotti e servizi che la tua azienda propone.

Così facendo aumenterai anche la permanenza degli utenti sul tuo sito, oltre che fargli esplorare meglio tutte le sezioni e andare anche a diminuire la frequenza di rimbalzo.

Come strutturare una pagina

Per migliorare la tua sitemap e quindi giovarne in termini di SEO, dovrai prestare particolare attenzione anche a come andrai a strutturare le singole pagine del tuo sito.

Vediamo assieme qualche piccolo accorgimento:

TITOLI

Cerca di utilizzare titoli non troppo lunghi, al massimo 50 caratteri, e che all’interno contengano la parola chiave che hai deciso di usare per l’indicizzazione della pagina o del tuo post. Ricorda che un titolo deve avere la funzione calamita per chi lo legge, cercando di suscitare quanto più interesse ad approfondire il resto del testo.
Potrebbe esserti utile approfondire un mio vecchio post a riguardo: “Il metodo Zeigarnik

URL

Ottimizza le url facendo in modo che compaia al suo interno la parola chiave che hai scelto per l’indicizzazione. Google preferisce i link con url indicizzate e a noi piace accontentarlo.

MEDIA

Contenuti visual come immagini, video o gif, aumentano interazione e interesse da parte degli utenti verso pagine e post da te pubblicati. Inoltre, se andrai a rinominare la pagina e aggiungerai con un tag ALT la tua keyword, i motori di ricerca tenderanno ad indicizzare quel tipo di contenuto prima rispetto ad altri.

SOCIAL È MEGLIO

Aggiungi i tasti di condivisione social a pagine e articoli del tuo sito. Oggigiorno il numero degli utenti che ricerca informazioni sui Social Network è sempre più in aumento; fossi in te, io, non perderei un’altra opportunità di business.

DESIGN RESPONSIVE

Come abbiamo detto altre volte, la navigazione web si sta spostando sempre più verso i dispositivi mobili, quindi è prettamente necessario che il tuo sito sia ottimizzato per essere visualizzato al meglio da ogni tipo di dispositivo, desktop o mobile che sia.

VELOCITÀ

Più il tuo portale ha tempi di caricamento brevi e maggiori saranno gli utenti che continueranno la navigazione sul tuo portale; questa funzione non è gradita solo dai naviganti in rete ma anche dei motori ricerca.

Ecco perché è necessario che tutti i contenuti media che andrai a condividere siano ottimizzati per il web e che il tuo servizio hosting sia affidabile e veloce.

Creare una buona struttura web non è un lavoro semplice ma se vuoi avere una SEO impeccabile, dovrai realizzare un sito con una struttura perfetta.

Vuoi un’analisi per capire se la struttura del tuo portale web è a prova di SEO? Contattami per una consulenza.