Come riciclare i contenuti

Plasta, carta, vetro, e il bidone per i contenuti?

Fare il blogger è un lavoraccio. Continuare a produrre contenuti, su contenuti, e sempre originali.

Ma come si fa ad avere sempre delle nuove idee e degli argomenti?

Curiosità, come prima dote, e voglia di mettersi in gioco, come seconda.

I contenuti non cadono dal cielo e non esistono piante dove coltivarli. Però aumentando giornalmente le nostre conoscenze e il proprio bagaglio culturale, le idee non mancheranno ad arrivare.

Casi studio, scoperte, iniziative, aggiornamenti, sono tutti possibili argomenti che possono essere utilizzati per creare ottimi articoli.

Ricordi quando parlavo di quanto è importante essere organizzati e di quant’è fondamentale un calendario editoriale?

Per ogni post che andrai a programmarne la stesura, puoi scriverne almeno altri 3; questo solo facendo degli approfondimenti mirati relativi all’argomento che hai trattato. Se non ti è mai venuto in mente e sei a corto di idee puoi fare una carrellata dei tuoi vecchi post e, andandoli a rileggere, protrai valutare cosa approfondire e come.

Un altro modo di riciclare i propri contenuti è quello di riutilizzarli in un altro formato. Come?

Hai scritto un articolo? Puoi convertirlo in podcast, immagine, infografica, video, webinar. Hai visto quanti modi di creare notizia con un singolo contenuto?

Naturalmente, come base, dovrete trovare la fonte primaria d’energia che alimenterà l’ecosistema dei vostri contenuti, ovvero l’argomento che andrete a trattare.

Una volta trovato ciò di cui andrai a parlare, dovrai capire le esigenze dei tuoi follower, e potenziali clienti, capendo e identificando quale tipo di contenuto a loro è più pratico.

Se sei un personal trainer, ad esempio, oltre che scrivere post mirati su diete e metodi di allenamento, potresti specializzarti nella creazione di video dove spieghi gli errori da non commettere durante il workout.

Se parlerai di cucina puoi sviluppare i tuoi contenuti da scritti, a video o immagini che ritraggono passo passo il procedimento per la corretta realizzazione del piatto.

Gli utenti non sono tutti uguali, c’è chi preferisce leggere, chi ascoltare o visualizzare, proprio per questo bisogna diversificare i propri contenuti, per fare in modo che vengano seguiti da più utenti possibili.

E tu, come ricicli i tuoi contenuti?

Ti è piaciuto l’articolo? Aiutami a condividerlo attraverso i tuoi Social preferiti.

Ciao!