Social Network: come sono nati e come sono diventati

I Social Network sono nati con lo scopo di unire maggiormente gli utenti, dandogli così la possibilità di rimanere in contatto con persone lontane o conoscerne di nuove.

Ricordi cos’hai fatto appena ti sei iscritto a Facebook?

Hai iniziato ad aggiungere, per unire alla tua rete di contatti, tutti i tuoi amici più cari, i parenti e poi hai iniziato a cercare i tuoi compagni di università fino ad arrivare a quelli delle elementari.

Nel corso dell’ascesa Social, chi aveva un account, utilizzava le piattaforme prevalentemente solo a scopo ricreativo ma col passare del tempo i social network sono diventati più di semplici portali per permetterci in contatto con persone a noi più o meno lontane, sono diventate delle vere e proprie applicazioni dove trovare qualsiasi tipo d’informazione, ricreativa o di cronaca che sia.

Se prima la percentuale degli iscritti, e utilizzatori, era bassissima oggi questo trend si è invertito e abbiamo 2 tipologie di utenti.

1- Utente che utilizza le piattaforme social come strumento ricreativo:

Chi sta su Facebook, Twitter o Instagram, solo per mantenere i contatti con i suoi amici e utilizza le piattaforme per condividere materiale divertente, propri ricordi, ma che principalmente utilizza i Social come strumento ricreativo senza farne una vera e propria bibbia.

Condivide un selfie in spiaggia o uno scatto con gli amici aggiungendo, ogni tanto, un link a youtube di qualche brano musicale che sta ascoltando.

2- Utente che utilizza i social come chiesa dove vivere:

Questo tipo di utenti sono coloro che utilizzano i Social Network per qualsiasi cosa e risiedono sopratutto su Facebook, la piattaforma, ad oggi, più completa di servizi ad essa connessi.

Utilizzano Facebook Messenger per scambiare messaggi con i loro contatti, preferendola addirittura ai classici servizi di messaggistica quali SMS o altre applicazioni come Telegram o Whatsapp.

Acquistano prodotti online attraverso le Pagine Fan piuttosto che reperire i prodotti attraverso gli ecommerce del sito web dell’azienda che propone il prodotto oppure Amazon.

Questi utenti non utilizzano i classici media d’informazione come ad esempio Ansa.it, o altri siti d’informazione nazionale ma preferiscono utilizzare sempre le pagine fan di News per reperire le informazioni di loro interesse e ne utilizzano altrettante per approfondire eventuali notizie.

Questa tipologia di persone è l’utente perfetto per un’ambiente come Facebook.

Lo scopo di Mark Zuckerberg è stato creare, e ora mantenere, una piattaforma dove aggiungere degli utenti e vincolarli in quell’ambiente

Un po’ di tempo fa ho parlato dell’evoluzione della funzione Storie su Whatsapp, Instagram e Facebook.

Paradossalmente sono gli utenti più giovani che stanno scappando da Facebook, per utilizzare altri canali social, forse è proprio per questo che il buon Mark sta “clonando” il alcune funzionalità su tutte le sue applicazioni, per cercare di mantenere la stessa interazione anche sugli altri suoi Social Network per evitare di avere utenti che andranno dalla concorrenza.

Alla fine lo sappiamo tutti, quando una cosa non piace, o stanca, si cerca una soluzione migliore.

Ciao!